Ma quanto vale un articolo sul web?

Qualche tempo fa avevamo scoperto che i collaboratori esterni del Corriere della Sera venivano pagati 15 euro lordi ad articolo lo aveva rivelato Barbara D’Amico licenziandosi da collaboratrice (licenziarsi è una parola grossa, aveva smesso di collaborare).

Oggi vi posso garantire che se da un lato i quotidiani storici come il Corriere sono scesi molto verso il basso, e non solo per i compensi, ma soprattutto per la qualità dei contenuti, parallelamente sono sorti molti cosiddetti ‘quotidiani online‘ che pagano i loro collaboratori… tenetevi forte: 3 euro lordi a post.

E vi dico subito che non si chiamano articoli, ma anche se sono ‘solo’ post da 500 parole, vi garantisco che bisogna impaginarli e scriverli in chiave SEO oltre che compilare i campi seo (meta description, headers, link interni…). Diciamo che per ‘guadagnare’ 3 euro lordi se sei un content creator serio ci impieghi 2 ore.

3 euro lordi sono una non conoscenza né del mondo del web, né del mondo dell’editoria... credetemi.

Eppure conosco una Start up a Milano, che accalappia collaboratori (content creators) sui siti di ricerca di lavoro, attirandoli con promesse di lavoro continuo e abbondante e… LAUTI guadagni (3 euro lordi a pezzo) che poi comunque non vengono nemmeno pagati.

Il geniale inventore di questa piattaforma non ha idea di cosa significhi scrivere, creare contenuti, e SEO. Non sto parlando di articoli per link building, questi sono veri e propri articoli firmati (così se scrivi cazzate ne sei responsabile, senza essere né giornalista né tantomeno un professionista), per i quali devi documentarti e tu sì devi sapere del web, di scrittura, di search engine optimization.

La società ha cambiato già 2 volte ragione sociale e dialoga con i suoi collaboratori esterni solo tramite una piattaforma basata sull’intelligenza artificiale.… balle!, La piattaforma viene caricata di titoli studiati in base alle keywords in voga su google e i collaboratori a mo’ di criceti la mattina si svegliano, scelgono un po’ di post da sfornare in giornata a più non posso per guadagnare forse 90 euro lordi al mese. Che puntualmente non vengono loro pagati.

Altro giro, altro collaboratore: il collaboratore si incazza, non fa azioni legali per cifre così modeste misere e loro hanno la fila di aspiranti SEO copywriter criceti che sfornano post per mandare avanti le loro testate di notizie fresche tutti i giorni.

il mestiere di SEO copywriter in Italia

Non ci credete? Sfogliate le ricerche di SEO copywriter e content creators in giro per il web e troverete tutti i mesi la famigerata ricerca di collaboratori di cui sto parlando. Vi sembrerà allettante, farete conti tipo: se scrivo 50 post al giorno…. ecco, scappate a gambe levate prima di fare qualsiasi calcolo del genere.

Non riuscirete nemmeno a pagare la connessione a internet.

Ecco un paio di piattaforme per scrivere online che vanno per la maggiore in questo periodo:

melascrivi: piattaforma per professionisti della scrittura online, a detta di tutti molto seri e soprattutto utilizzati da editori e magazine per avere contenuti a basso costo.
Ti iscrivi, scegli le categorie per cui vuoi scrivere (8 al massimo) e poi aspetti. Ti arrivano le notifiche via mail con la richiesta di scrivere un post, ti fiondi a prenderlo e scopri che è già stato preso da qualcun altro. Allora decidi di stare con lo sguardo fisso a fare refresh della pagina, dopo ore arriva un articoli, clicchi e scopri che è già stato preso. La concorrenza è altissima e appena vengono pubblicati i titoli degli articoli nelle varie categorie, qualcun altro se lo è già accaparrato. E se anche riuscissi a ottenerne uno, a 3 euro a post, ne hai da sgomitare per sperare di portare a casa (accreditato su paypal al raggiungimento di 25 euro) una cifra che abbia un senso.

contents: anche questo con accredito su paypal, ma al raggiungimento di 50 euro e dopo un mese e mezzo, scrivi articoli da 3 euro lordi e anche da 1,80. Qui è più facile ottenerne, ma bisogna sapere che il tempo dedicato a scriverne uno è elevato: sono articoli specifici, da 300 parole, per i quali devi fare ricerca, impaginare in chiave seo (H2 e H3, e meta tags…) e trovare foto free e impaginare. Tutto molto fattibile per un seo copywriter, certo, ma fatti due conti, per arrivare alla soglia dei 50 euro lordi che ti verranno accreditati dopo 45 giorni e vari solleciti, ne vale la pena, quante ore al giorno devi dedicare per scrivere 3 o 4 post? Ciò che fa specie di questo portale è che stanno invadendo il web di testate giornalistiche scritte da seo copywriter e non da giornalisti.

1 commento

I commenti sono chiusi.